Diminuiti i tentativi di frode con fondi europei in Bulgaria

Sono calati di quattro volte i tentativi e gli ammontari di frode relativi a fondi europei nel 2011 rispetto al 2010, è emerso da una documentazione congiunta delle autorità bulgare e dell’OLAF, l’Ufficio europeo per la Lotta Antifrode. Il rapporto “Neshto poveche” (“Qualcosa in più”) è stato promosso da Emil Radev, deputato del GERB e membro della Commissione per le Questioni europee e Controllo dei Fondi europei. “Il successo è dovuto al lavoro degli enti nazionali in Bulgaria. Per la prima volta le procedure di controllo non sono state effettuate soltanto da attori esterni”, ha commentato Radev, sottolineando il supporto della direzione dell’AFKOS, partner bulgaro dell’OLAF presso il Ministero degli Affari Interni, con l’utilizzo anche di un sistema elettronico per gestire le irregolarità. Nel 2010 l’ufficio per la Lotta Antifrode dell’UE arrivarono 93 segnalazioni di abusi, denunciati da cittadini bulgari, aziende o istituzioni pubbliche. Un dato significativamente maggiore alle segnalazioni arrivate da Francia o Germania. La comparazione dei dati indica un significativo aumento del numero delle sentenze emanate. Nel 2008 esse erano soltanto cinque, nel 2009 ammontavano a 28 e nel 2010 il numero ha raggiunto le 175 sentenze. Fonte: BNR 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: