LA NUOVA IMPOSTA SUGLI INTERESSI DEI DEPOSITI IN BULGARIA VIOLA IL SEGRETO BANCARIO

reuters_20090227_10388042_2Diverse le spiegazioni sulla decisione del governo di Borissov di introdurre in Bulgaria un’imposta del 10 per cento sui tassi d’interesse dei depositi bancari. Il quotidiano bulgaro “Sega” ricorda le motivazioni fornite dalle autorità: la riscossione della nuova tassa garantirà un aumento delle pensioni durante il prossimo anno e sposterà sui cittadini più benestanti il peso del gettito fiscale, costringendo imprenditori e cittadini più facoltosi a ritirare i loro depositi bancari e investirli. L’ex direttore della Banca per lo sviluppo bulgara, Dimitar Dimitrov, sostiene sulle pagine del quotidiano di non appoggiare questa motivazione e che la nuova imposta è un’ulteriore stangata sulla privacy dei bulgari. Secondo Dimitrov, con questa imposta si rischia di violare il segreto bancario: con l’introduzione della nuova tassa le autorità fiscali potranno effettuare dei controlli e chiedere ogni sorta d’informazioni su determinate persone e sui loro depositi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: