In vista una riduzione delle bollette della luce, ma le proteste continuano.

Il Parlamento ha approvato alcuni emendamenti alla legge per l’energia, diretti a consentire una riduzione delle bollette della luce che, lievitate a dismisura lo scorso febbraio, hanno provocato massicce manifestazioni di protesta popolare che hanno portato alle dimissioni del governo conservatore di Boyko Borissov. Secondo il Ministro dell’Energia, Dragomir Stoynev, i cambiamenti “garantiranno prezzi più sopportabili” dell’elettricità, mentre gli esperti prevedono un taglio del 5% delle bollette per i nuclei familiari. Un altro obiettivo degli emendamenti è incentivare le esportazioni di elettricità, dato che in Bulgaria si produce molta più energia elettrica rispetto al reale fabbisogno. La Compagnia Nazionale dell’Elettricità NEK, inoltre, non sarà più obbligata ad acquistare l’intera energia prodotta nel Paese, ma soltanto quella meno costosa. Gli emendamenti alla legge sull’energia e l’eventuale riduzione delle bollette arrivano dopo 17 giorni di dimostrazioni di massa contro il Governo del premier Oresharski, accusato di essere collegato a cartelli e oligarchie di stampo mafioso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: